Contenuto principale

Messaggio di avviso

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Clicca Qui per ulteriori informazioni.

ISTITUTO COMPRENSIVO “M.K. GANDHI” - SAN NICOLO’ di ROTTOFRENO pon
Logo ICMKGandhiVia Ungaretti, 7-29010–San Nicolò di Rottofreno(PC) 
PEC: pcic812009@pec.istruzione.it e-mail: pcic812009@istruzione.it Tel. 0523/768764 – Fax 0523/764241 - C.F. 80012210334 - C.M. PCIC812009 


Circolare n.  36                                   San Nicolò, 21 novembre 2017

Ai Genitori degli alunni
dell’Istituto Comprensivo di San Nicolò

Oggetto: Divieto di Fumo - disposizioni in vigore dal 2 febbraio 2016

Si comunica che dal 2 febbraio 2016 è in vigore il Decreto Legislativo n. 6 del 12 Gennaio 2016, finalizzato ad assicurare un elevato livello di protezione della salute attraverso maggiori restrizioni e avvertenze per dissuadere i consumatori (in particolare, i giovani) dall’acquisto e dal consumo di prodotti a base di tabacco e nicotina.
Dopo la Legge 3 del 16 gennaio 2003 (art. 51) “Tutela della salute dei non fumatori”, si tratta del principale intervento normativo in materia di tabacco degli ultimi anni.
Queste le principali novità: introduzione sulle confezioni di sigarette di testo, fotografia a colori e numero del telefono verde contro il fumo (800.554.088); divieto di additivi che rendono più “attrattivo” e “più nocivo” il prodotto del tabacco; abolizione dei pacchetti da 10 sigarette e delle confezioni di tabacco da arrotolare contenenti meno di 30 grammi di tabacco; divieto di utilizzare nell’etichettatura elementi promozionali e fuorvianti, come riferimenti a benefici per la salute o per lo stile di vita, ad un gusto o un odore etc.; divieto di apporre sulle etichette informazioni relative al contenuto di catrame, nicotina o monossido di carbonio, ritenute ingannevoli per il consumatore che, nel confronto tra più prodotti, tende a preferire quello con minori quantità di tali sostanze ritenendolo meno nocivo; divieto di “aromi caratterizzanti” nelle sigarette e nel tabacco da arrotolare.
Sono inoltre state introdotte in decreto alcune disposizioni fortemente sostenute dal Ministero della Salute, in quanto coerenti con l’obiettivo di assicurare la maggior protezione possibile per i minori:
 divieto di vendita ai minori dei prodotti del tabacco di nuova generazione;
 divieto di fumo in autoveicoli in presenza di minori e donne in gravidanza;
 divieto di fumo nelle pertinenze esterne degli ospedali e degli istituti di ricovero e cura a carattere scientifico (IRCCS) pediatrici, nonché nelle pertinenze esterne dei singoli reparti pediatrici, ginecologici, di ostetricia e neonatologia;
 inasprimento delle sanzioni per la vendita e somministrazione di prodotti del tabacco, sigarette elettroniche e prodotti di nuova generazione ai minori;
 verifica dei distributori automatici, possibilmente al momento dell’istallazione e comunque periodicamente, al fine di controllare il corretto funzionamento dei sistemi automatici di rilevamento dell’età dell’acquirente;
 misure relative alle sigarette elettroniche con nicotina;
 divieto di vendita ai minori di 18 anni di sigarette elettroniche e di liquido di ricarica con presenza di nicotina, già precedentemente disposto da un’Ordinanza del Ministro della Salute;
 introduzione di requisiti di sicurezza per le sigarette elettroniche e i contenitori di liquido di ricarica contenenti nicotina, a prova di bambino e di manomissione, corredati da un “foglietto illustrativo” contenente istruzioni d’uso, controindicazioni, informazioni su eventuali effetti nocivi ecc.

Il Disegno di Legge sulla cosiddetta “green economy” pubblicato in G.U. il 18 Gennaio 2016, ha introdotto il “divieto di abbandono di mozziconi dei prodotti da fumo sul suolo, nelle acque e negli scarichi'', con conseguenti multe per chi getta a terra i mozziconi delle sigarette.

Si ricorda nell'occasione, il già vigente Divieto di Fumo negli spazi esterni delle scuole perchè pertinenza delle stesse e in quelli limitrofi - il divieto è valido per tutti: per chi nella scuola ci lavora e deve essere di esempio e per gli alunni che, minorenni o maggiorenni, frequentano l’Istituto.

 

IL DIRIGENTE SCOLASTICO
Prof.ssa Adriana Santoro

Firma autografa sostituita a mezzo stampa
ai sensi dell’art. 3, comma 2, del D.Lgs. 39/93